Magazine it's a project
of Open Building

Sintomi e cause del declino nel settore delle costruzioni

12/18/2018

Il report Modernise or die di Mark Farmer cerca di trovare una soluzione al declino del settore delle costruzioni. L’idea è creare un’industria nuova che coopera a fianco di pratiche tradizionali. Ma è necessario modernizzare perché, continuando così, non è più possibile sopravvivere. Ma perché l’industria delle costruzioni è in fallimento? 


Negli ultimi 60 anni si è registrato, a livello europeo, un calo di quasi il 20% della produttività, perché la mancanza di standardizzazione ha portato a uno spreco di tempo e costi. Il problema maggiore è l’assenza di investimenti nell’innovazione, nella ricerca e nello sviluppo tecnologico. I metodi moderni di costruzione come la prefabbricazione sono guardati con sospetto per paura di insolvenza, e il margine di fallimento viene fin troppo tollerato. Anche se anno eccezione i progetti che usano project planning e collaborazioni, il settore soffre di frammentazione, strutturale e della leadership: c’è tanto lavoro in proprio e una filiera produttiva limitata. Questo determina spreco di denaro e risorse, mancanza di controllo e scarsa responsabilità, e i governi evitano di prendere decisioni. Pochi investimenti anche in sviluppo e formazione: il training è infatti considerato erroneamente una delle maggiori fonti di perdita. Ma la mancanza di manodopera è sintomo anche della scarsa immagine dell’industria, che influenza le decisione di carriera dei giovani. In tutto ciò, la mancanza di cultura e collaborazione non fa che aumentare le tensioni.